MECCANICA in ripresa il made in Italy +5,5%

*

*


25-11-2021

La ripresa in corso è trainata dagli investimenti, una componente della domanda che in Italia presenta un maggiore dinamismo rispetto agli altri paesi europei. Un impulso determinante al recupero in corso proviene dalla domanda interna di macchinari, sostenuta dal credito di imposta per gli investimenti per la ‘transizione 4.0’.

La caratteristiche del ciclo economico avviato dopo la pandemia e i segnali delle congiuntura del  comparto della meccanica sono emerse oggi nel corso della presentazione dell’Ufficio Studi del Rapporto Confartigianato Meccanica 2021, nel corso del convegno organizzato dalla Direzione Politiche Economiche – Sistema Imprese della Confederazione, in collaborazione con A.P.I. e tenuto nel Villaggio Confartigianato a MECSPE Bologna Fiere.

Nei primi otto mesi del 2021 l’Italia le esportazioni dei prodotti della meccanica superano del 5,5% il livello dello stesso periodo del 2019, precedente allo scoppio della pandemia, facendo meglio della Spagna (+0,8%) e della media Ue (+1,1%); la ripresa delle esportazioni del settore è in ritardo in Germania (-2,7%) e in Francia (-4,7%).

 

Rischi e incertezze – Il Rapporto esamina le tensioni sui prezzi delle commodities e dell’energia che depotenzia lo slancio della ripresa: ad ottobre 2021 i prezzi dei metalli di base segnano un aumento del 31,4% su base annua. A materie prime scarse e con prezzi crescenti si associa la difficoltà di reperimento di personale, che nel 2021 sale sui valori massimi dell’ultimo decennio.

I numeri chiave della meccanica – La meccanica rappresenta un settore chiave della tecnologia made in Italy, generando un fatturato di 365,1 miliardi di euro e 191,3 miliardi di euro di esportazioni, pari al 38,6% del made in Italy, e conta sull’apporto di 175.353 imprese registrate di cui la metà (51,5%) è rappresentato da 90.326 imprese artigiane. Rilevante il peso occupazionale del settore: i principali comparti contano, infatti, 1.064.569 addetti, di cui 72,4% in micro, piccole e medie imprese con meno di 250 addetti, il doppio del 35,5% della Germania e superiore di ben 23,9 punti rispetto alla media del 48,5% relativa a 18 paesi Ue per cui sono disponibili i dati.

 


Indietro

18/01/2022
FIRMATO OGGI IL PROTOCOLLO D'INTESA TERRIT...
Firmato il protocollo d'intesa ...
17/01/2022
INAIL, PREVENZIONE INFORTUNI DOMESTICI, IL...
scade il 31 gennaio il termine di rinnovo per la polizza infortuni p ...
14/01/2022
WEBINAR - BONUS E SUPERBONUS (DETRAZIONI C...
Bonus e superbonus - detrazioni casa- ...
11/01/2022
OBBLIGHI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DI RIFI...
Obbligo di raccolta differenziata dei rifiuti tessili ed organici ...
10/01/2022
DL COVID N. 1\2022 SETTORE BENESSERE...
Misure urgenti per il settore benessere ...
10/01/2022
OBBLIGO DI COMUNICAZIONE DEI LAVORATORI AU...
Chiarimenti dell'ispettorato nazionale del lavoro- obbligo comunicazione dei lavoratori occasionali ...
08/01/2022
TRASPORTO MERCI, PRONTO IL REGOLAMENTO PER...
Nuovo regolamento per lo sportello unico doganale-sudoco- ...
07/01/2022
COVID-19, RITORNA LO SMART WORKING SIA NEL...
covid-19 ritorna lo smart working ...
07/01/2022
DL COVID -1\2022 PUBBLICATO IN GAZZETTA UF...
Pubblicato il nuovo decreto in gazzetta ufficiale ...
06/01/2022
BUONA EPIFANIA...
Buona Epifania ...
04/01/2022
REGOLE PER QUARANTENA ED ISOLAMENTO COVID-...
Regole da osservare per quarantena e isolamento covid-19 ...
03/01/2022
LEGGE DI BILANCIO 2022...
Legge di bilancio approvata, vediamola insieme ...
03/01/2022
DECRETO MILLEPROROGHE,RINNOVI E NUOVE SCAD...
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale il Dcreto Mille Proroghe 2022 ...