Obblighi di raccolta differenziata di rifiuti tessili e organici dal 1 gennaio 2022

*

*


11-01-2022

Obblighi di raccolta differenziata di rifiuti tessili e organici dal 1°gennaio 2022

L’Italia ha anticipato l’obbligo europeo di raccolta differenziata per rifiuti tessili e organico. Dal
1° Gennaio 2022 In tutti i comuni italiani diventa obbligatoria la raccolta differenziata degli
scarti tessili e dell’organico.


Rifiuti Organici
Gli scarti organici dovranno essere separati dagli altri rifiuti. Lo prevede l’articolo 182 ter del
decreto legislativo 152/2006 (come modificato dal D.Lgs. 116/2020) che recepisce la Dir.
2018/851/UE in materia di rifiuti. Nell’umido dovranno essere raccolti anche gli imballaggi in
plastica biodegradabile e compostabile certificati EN 13432 (sacchetti in bioplastica, imballaggi
di frutta e verdura, piatti, bicchieri e stoviglie monouso realizzate in materiale compostabile).


Secondo i dati dell’ultimo Rapporto Rifiuti di ISPRA nel 2020 l’80% dei Comuni italiani ha
raccolto in maniera separata oltre 7 milioni di tonnellate di rifiuti organici avviate a recupero in
circa 360 impianti di digestione anaerobica e compostaggio operativi sul territorio nazionale.
L’estensione della differenziata sull’organico al 20% dei comuni che non hanno ancora attivato
il servizio si tradurrà secondo stime, in un aumento di più di 2 milioni di tonnellate.
L’entrata in vigore di questo obbligo anticipa di due anni un analogo impegno che sarà
introdotto nel resto della UE solo a inizio 2024.

Rifiuti Tessili
Anche i rifiuti tessili dal 1° gennaio 2022 dovranno essere raccolti a livello comunale in maniera
differenziata.
Secondo i dati ISPRA se nel 2020 oltre il 70% dei comuni aveva già attivato il
servizio di differenziata, separando più di 143.000 tonnellate, l’estensione dell’obbligo a tutti i
comuni, unito a una più capillare intercettazione della quantità di rifiuti tessili che oggi finiscono
nell’indifferenziato, potrebbe portare la raccolta a superare le 830.000 tonnellate nel 2022.

Anche in questo caso Il nostro Paese ha anticipato di tre anni l’entrata in vigore di tale obbligo
che scatterà nel 2025 nel resto d’Europa. ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) ha
già annunciato un proprio emendamento al Dl Milleproroghe, chiedendo che l'obbligo venga
posticipato almeno di un anno.


Indietro

03/10/2022
BONUS FACCIATE, COME FUNZIONA...
Nonus facciate le nuove regole per il 2022 ...
04/08/2022
NOVITÀ IN MATERIA DI VIGILANZA E CASI DI S...
Novità in materia di vigilanza e casi di SOSPENSIONE dell' attività lavorativa ...
12/05/2022
REAL ITALIAN WINE&FOOD LONDRA 14 LUGLIO 20...
Partecipa al real italian wine & food ...
11/05/2022
BONUS TESSILE E MODA, RICHIESTA DA INOLTRA...
Credito d'imposta pari al 30% da richiedere entro il 10 giugno 2022 ...
10/05/2022
TRAFORO DEL MONTE BIANCO, CALENDARIO DELLE...
Traforo del Monte Bianco Scarica il calendario delle interruzioni della circolazione al 30 luglio ...
06/05/2022
SPORTELLO BANDI, FONDIRIGENTI, 12.500 A FO...
Fondo per 12.500 per supportare le competenze manageriali ...
05/05/2022
APPALTI E CARO MATERIALI, COMPENSAZIONI PI...
Pubblicato in gazzetta il decreto MIMS ...
04/05/2022
NOTIZIARIO BIELLESE APRILE 2022...
Pubblicato il notiziario biellese mese di aprile ...
02/05/2022
BANDO EUROPEO PER LE DONNE INNOVATRICI 202...
Bando europeo per le donneinnovatrici ...
29/04/2022
SPORTELLO BANDI- FINANZIAMENTI AGEVOLATI A...
Finanziamenti agevolati autoriparazioni ...
28/04/2022
INVITO A PARTECIPARE FIERA SPOSA DI CHICAG...
fiera sposa di Chicago 28-30 agosto ...
28/04/2022
“LA NUOVA UNI 10411: COSA CAMBIA PER GLI A...
UNI10411, COSA CAMBIA PER GLI ASCENSORISTI WEBINAR CONFARTIGIANATO ...
20/04/2022
INVIRO A SFILARE ALLA -FASHION VISION- 7 M...
Invito a sfilare alla -FASHION VISION- ...